L’inca**o

A voi capita mai che vi parta l’inca**o selvaggio? Quello che proprio non riuscite a controllare e nemmeno a controllarvi? 

A me spesso, troppo. 

E quando succede non ho davvero più potere su quello che dico. Tutto assume proporzioni epiche e insormontabili. 

Oggi nel tardo pomeriggio siamo rientrati da un weekend cominciato domenica, con il compleanno di un’amica, unito a due giorni a Genova ad uso e consumo quasi esclusivo della piccola (seguiranno post). 

Il leitmotiv degli ultimi due giorni è stato evitare, appunto, l’inca**o. Dribblarlo, scansarlo, mettergli la museruola. Sfighe incassate con apparente savoir-faire hanno però lasciato piccoli residui di cui l’inca**o si nutre. Delusione, per una mini vacanza che nella mia testa la piccola doveva godersi di più. 

Lui, la bestia orrenda, ha cominciato a infilzare le sue grinfie in me poco prima della partenza. Arrivati a casa, all’ennesima pessima sorpresa, è esploso. E a pagarne il prezzo sono stati la combo marito-figlia. 

Il problema più grosso è che già mi sento una persona orribile per l’irascibilità che non riesco a contenere e le mie parole fuori controllo mi fanno stare pure peggio. 

E quando l’inca**o ha finito di consumarmi, a rosicchiare i brandelli che restano di me, arriva il senso di colpa. Con il suo becco da picchio, incessante battitore, tormenta le mie ossa. 

L’aspetto peggiore di tutta la faccenda è che nessun aiuto sarà mai abbastanza per placarmi. È la completa incapacità di ascoltare chi mi sta di fronte, di ragionare, di accettare aiuto. Perché quando entro nel vortice, chiudo orecchie e cervello e resto sola. Mi sento sola. Perché nessuno può capirmi, comprendere sino in fondo la gravità del problema. La sola che può fare qualcosa sono io. Allora mi rimbocco le maniche e faccio. Faccio fino ad esaurire le energie, tanto che la bestia non ha più nulla di cui nutrirsi.

E resto così, senza forze, a sentirmi la persona peggiore del pianeta. 

Non vuole essere un post di autocommiserazione, ma una semplice condivisione di un problema (grande) che ho. Qualcuno là fuori si identifica? Avete una soluzione? Un consiglio? 

Ora che l’inca**o è finito vi ascolto! 

The Color Run

Ero piuttosto restia a viaggiare, girare e fare nuove esperienze con una piccola al seguito. Mi sembrava sempre che ci fossero ostacoli insormontabili: il caldo, il freddo, dove scaldo il biberon, dove la cambio, ECC.

Poi è successo che un giorno si è svegliata bimba di tre anni. Senza pannolo, amante del cibo e delle nuove esperienze. Per cui piano, piano, con calma, abbiamo cominciato a fare qualche giretto in più, scoprendo che eravamo stati genitori di poca fede nella grande capacità di adattamento di nostra figlia.

E così, armati dell’imprudenza e dell’incoscienza che spesso (a detta delle nonne) ci contraddistinguono siamo partiti alla volta di Verona – destinazione The Color Run 2017.

Il paradiso cromatico dei fotografi. Spruzzi di colore accesi su asfalto scuro. Visi sorridenti. Costumi strampalati. Scenario un po’ meno paradisiaco per l’attrezzatura: polvere, polvere ovunque. Schiuma. Cara la mia Canon, te ne stai tranquilla a casa. Lascia all’iPhone lo sporco sporchissimo lavoro.

IMG_8208

Arrivati abbiamo ritirato i nostri kit, ci siamo trovati un posticino sotto le fresche frasche e non l’abbiamo più mollato. Dopo i panini, i gelati ed avere importunato abbastanza sconosciuti con lanci di palloncini e tubi gonfiabili omaggio (o come diamine si chiamano) ci siamo mossi in direzione della partenza. Ci siamo uniti alla massa, e solo una volta addentrati per bene abbiamo scoperto di aver sbagliato corsia (ce n’è una apposita per le famiglie – per non lasciare i bambini a rosolarsi lentamente sotto il sole). Siamo tornati indietro sfidando il senso contrario del fiume umano a suon di ‘scusi’ e ‘permesso’ e – finalmente – siamo partiti!

IMG_8237

I primi 300 m la Vicky li ha fatti letteralmente di corsa. Poi ha capito che non era cosa breve e ha preferito saggiamente il passeggino (o le spalle del papà).

Principessa al trotto

Un punto colore ogni km circa. Arancio e verde i primi due. Rosa il terzo. Per quarto arriva il blu, il più figo! Blu, blu, blu, mi piaci tu. Possiamo restare qui per sempre?

IMG_8268IMG_8274IMG_8276

Faticosamente ci dirigiamo al giallo, ultimo punto colore prima del traguardo ove ci attende UN CANNONE CHE SPARA LA SCHIUMA! E non aggiungo altro!

Alla fine ci hanno consegnato una busta colore ciascuno e sono stati fatti i peggio danni.

IMG_8319IMG_8340IMG_8365

Bagnati, sporchi e puzzolenti ci siamo diretti verso casa con l’orgoglio di chi sa di essere sopravvissuto!

IMG_8317

La Vicky ci ha messo un po’ a realizzare che purtroppo non può essere così fantastica la vita di tutti i giorni. Svegliandosi, il lunedì, ha visto dalla finestra i getti che innaffiavano i campi e mi ha chiesto ‘mamma, ma stanno sparando la schiuma?’ Emmmagari!

Mani

Sin da quando ha cominciato ad avere la possibilità di manifestare le proprie sensazioni, Vittoria ha fatto ben intendere quanto non le piaccia il contatto fisico non richiesto. Niente coccole, abbracci, saluti in momenti che non fossero di suo gradimento. Pena: urla e dimenamenti come se stesse cercando di rapirla il Lupo Cattivo.

Da qualche mese a questa parte però, al solo tollerare le coccole, si è aggiunta la richiesta. Arriva e ti abbraccia una gamba. Se siamo faccia a faccia comincia ad applaudire sul mio viso. Mi guarda, mi prende la faccia e mi morde le guance. Coccola la testa del suo papà. Fa gli abbracci orso. Gesti che rinfrancano l’anima, rendono la giornata un po’ meno di cacca e fanno pensare che non ci sia sensazione migliore al mondo.

Poi però.

La nanna nel lettone è ammessa solo per un motivo: quando è malatina.

Ieri sera la tosse che non le lascia tregua da qualche giorno non la faceva riposare e la spaventava molto.

Alle 23.30 il papà ritira quindi la Vittorina per depositarla nel lettone. Lei arriva al suo posto gattonando. Con gli occhi già chiusi cerca la mia mano e, quando l’ha trovata, si corica e si addormenta.

Così.

Quel suo cercare la mia mano nel sonno, lei che solitamente è allergica a qualsiasi contatto fisico troppo prolungato o sdolcinato, mi ha fatto esplodere il cuore in mille pezzi, troppo piccolo per contenere tanto amore, per poi ricomporlo nuovo.

E mi stupisco ogni volta perché quando aveva pochi mesi mi mancava questa prospettiva. Non sapevo che sarebbe arrivato questo momento, che non sarebbe stata un frugoletto per sempre. Che sarebbe diventata una bimba che non si può definire grande ma che non è più così piccola. Che sa esprimere i suoi sentimenti e le sue sensazioni. Con un carattere ben definito. Che ragiona e fa discorsi. Che gioca a parlare al telefono e fa discorsi più coerenti di tanti adulti che conosco. Che ti fa sentire magica, perché un tuo abbraccio guarisce tutto.

Naturalmente, solo se autorizzato.

F5.0 1/50 ISO1600 35mm

 

Perché

Sottotitolo: del perché non scrivo anche se vorrei farlo.

Svolgimento: perché sono una maledetta perfezionista del ca**o (e scusate, ma non riuscivo a renderlo altrimenti.)

Sono mesi che scrivo post che non pubblico. La maggior parte delle volte perché penso che quello che ho da dire non sia abbastanza interessante – “a chi potrebbe interessare quello che hai da dire, in fin dei conti?” – altre volte perché ritengo l’opinione troppo personale e non voglio espormi (o produrre materiale per pettegolezzi gratuiti). Altre ancora perché non ho una foto da includere – “se ha deciso di aprire un blog che parli di fotografia, che senso ha un post senza immagini?” – altre perché è passato il momento e che scrivi a fare.

La realtà è che qui – come nella vita di tutti i giorni – mi ingabbio da sola. Creo le mie regole e le uso per incatenarmi, per immobilizzarmi. Ad ogni post va acclusa una foto – non pubblicare post senza foto. Il post deve essere attuale – non scrivere di eventi/sensazioni già passate da giorni-mesi-anni. Se è un blog di fotografia – non gliene frega a nessuno degli affari tuoi, non scriverne. Mantieniti neutra , non scrivere opinioni troppo personali, non esporti, non parlare dei tuoi problemi.

Alla fine, tolta me, le mie idee, i miei casini, i miei tempi sempre troppo dilatati, non rimane nulla di cui scrivere.

Anche se vorrei.

Anche se ho sentimenti, idee, opinioni e scemenze da urlare al mondo.

Ho trent’anni. Trenta signori. Credo sia giunto il momento di rompere qualche filo che mi imbriglia.

Questo è il mio blog, il mio non-luogo. Deve rispecchiare me. Quindi d’ora in poi ci scriverò (o perlomeno proverò) quello che voglio. Che sia interessante o meno, che sia politicamente corretto o meno.

E se a qualcuno sarà utile per farsi i fattacci miei pazienza.

 

 

 

La grandezza delle piccole cose

“The little things… there’s nothing bigger, is there?”

– Niente è più grande delle piccole cose –

David Aames – Vanilla Sky

7cd4ca49f57a99da9b1beb4df214059f

Qualche sera fa ho rivisto il finale di Vanilla Sky, uno dei film cult della mia adolescenza. Rivederlo con qualche anno di più sul groppone fa un po’ effetto e si apprezzano altri aspetti oltre a Tom Cruise.

Remake di ‘Apri gli occhi’ di Amenàbar, racconta delle vicende di David Aames, erede dell’impero milionario di famiglia, alle prese con una mora (Sofia – Penelope Cruz), una bionda (Julie – Cameron Diaz) e un’accusa di omicidio.

Nel monologo finale David esprime una delle mie personali verità universali: niente è più grande delle piccole cose. Pensateci: è tutta una questione di dettagli. Cosa ci fa amare una persona, un luogo, una storia? Sono le piccole cose, quei particolari che li rendono inconfondibili e unici, quei dettagli che resteranno impressi nella nostra memoria. Un odore, uno sguardo, un gesto. Ed alla fine saranno proprio quei dettagli ad essere rievocati nei ricordi, di cui sentiremo la mancanza.

Così come credo basti un piccolo, piccolissimo dettaglio per cambiare tutto, distinguere un successo da un insuccesso, una foto ben riuscita da una da cestinare, una scelta da un’altra. Credo che siano proprio i dettagli che ai nostri occhi sembrano irrilevanti a guidare l’istinto, a far sì che preferiamo questo piuttosto che quello senza una ragione apparente.

Ed è un concetto che si applica a questioni anche meno esistenziali…pensate solo, ad esempio, ad una stanza: quanto possono fare la differenza duo o tre dettagli ben distribuiti? Senza rivoluzionare tutto, già appare in maniera differente.

Io sono fermamente convinta che nell’insieme, siano i particolari a definire la prima impressione che si ha di qualcuno o di qualcosa.

Che ne pensate? Riflessione frutto delle mie manie o con un fondo di verità?

 

Pioggia e Pozzanghere

Cosa c’è di più liberatorio di correre sotto la pioggia?

Sabato, dopo un paio di commissioni (leggi: questo mese dobbiamo assolutamente risparmiare – compreremo solo ciò che c’è sulla lista – uh, guarda che bello quel cappottino – come mi sta bene – non ne troverai mai più uno così –> 💸💸💸) abbiamo deciso di fermarci a mangiare qualcosa fuori. E il destino ci regala uno dei migliori e meno calorici dessert…corsa sotto la pioggia sino alla macchina. “Dovremmo farlo più spesso!” – suggerisce la ventenne selvatica che abita in me, “Te l’avevo detto, non hai più l’età!” – brontola la quasi trentenne quando la domenica mi sveglio con raffreddore e un certo presagio di morte imminente.

La puzzola si è persa il momento, sequestrata a cena dalla nonna V.

E allora penso: domani è domenica, non abbiamo programmi, sarebbe divertente portarla a saltare nelle pozzanghere, come la sua adorata Peppa.

Quindi domenica, tra in compaesani tutti ben vestiti e diretti verso la chiesa, spuntiamo noi, stivali di gomma d’ordinanza alla ricerca di qualche pozza sopravvissuta al tiepido sole di settembre.

img_9077img_9078img_9117img_9131img_9289

Ora, avrà quasi contratto il tetano, la malaria e qualche malattia considerata debellata da secoli, ma quanto si è divertita!!! 🙂

Metti un pomeriggio di aprile, un Teddy, un prato 

Ogni mattina, puntualmente, da due anni a questa parte, io e Benedetta ci confessiamo reciprocamente. Così la chat di Whatspp è diventata il contenitore e il diario delle nostre paturnie, soddisfazioni, problemi e successi.

A febbraio 2016 mi scrive dicendomi che un progetto che bolliva in pentola da un po’ vedrà la luce ‘MI PUBBLICANO!’. Così, di getto, entusiasta e incredula.

Ad aprile 2016, tramite messaggio vocale mi fa sapere che lei e Giada mi vogliono nella loro ciurma.

Qualche giorno dopo ci troviamo in mezzo ad un prato, armate di macchina fotografica, coperte e cesto da pic nic. Noi, un Teddy e Ciro, il gallo alto quasi quanto me, dall’aria tutt’altro che amichevole, il cui intento poco celato era cacciarci a suon di beccate dal suo territorio.

F5.6-1/200-ISO100-28mm

Questa è stata la mia iniziazione al progetto chiamato “Un caso (potenzialmente) problematico”, il libro di Benedetta. Si, perché lei sa intrecciare e annodare così bene, che non si limita ai fili, ma con le parole riesce a creare microcosmi al cui interno danzano minuscole e ironiche riproduzioni del folle mondo che ci circonda. In “Un caso (potenzialmente) problematico” si deve tornar bambini e lasciarsi guidare da Matteo “Papero” Tebaldi, quasi novenne,  nelle avventure del paesello degli anni ’80.

L’aspetto migliore del libro, oltre alla fluidità, è il suo essere multistrato. Sulla superficie è leggero, simpatico, ironico, candido e divertente. Più in profondità invece spinge a riflettere su quali aspetti di noi abbiamo abbandonato diventando grandi, su come abbiamo lasciato assopire i nostri sogni, su come possiamo apparire noi adulti ai bambini ma anche alla nostra orribile capacità di castrare le loro infinite fantasia e speranza con i nostri comportamenti e parole.

Quindi brava, bravissima, braverrima Betta! Comincia a darti da fare perché…vogliamo il seguito!!!

F4.5-1/125-ISO800-50mm
F3.2-1/100-ISO200-50mm
F4.5-1/125-ISO800-50mm

 

Che rumore fa la felicità – 5 

Come opposti che si attraggono,

come amanti che si abbracciano.

Camminiamo ancora insieme,

sopra il male sopra il bene,

Ma i fiumi si attraversano e le vette si conquistano.

Corri fino a sentir male

con la gola secca sotto il sole.

Che rumore fa la felicità

Mentre i sogni si dissolvono

e gli inverni si accavallano

quanti spilli sulla pelle

dentro il petto sulle spalle,

ma amo il sole dei tuoi occhi neri

più del nero opaco dei miei pensieri

e vivo fino a sentir male

con la gola secca sotto il sole.

Corri amore, corri amore.

Che rumore fa la felicità

Insieme, la vita lo sai bene

ti viene come viene, ma brucia nelle vene e viverla insieme

è un brivido è una cura

serenità e paura

coraggio ed avventura,

da vivere insieme, insieme, insieme, insieme … a te.

Che rumore fa la felicità.

Due molecole che sbattono

come mosche in un barattolo

con le ali ferme senza vento

bestemmiando al firmamento.

Mentre il senso delle cose muta

ed ogni sicurezza è ormai scaduta

appassisce lentamente

la coscienza della gente.

Che rumore fa la felicità.

Che sapore ha, quando arriverà sopra i cieli grigi delle città

che fingono di essere rifugio per le anime.

Corri fino a sentir male

con la gola secca sotto il sole.

Corri amore, corri amore.

Che rumore fa la felicità

Insieme, la vita lo sai bene

ti viene come viene, ma brucia nelle vene e viverla insieme

è un brivido è una cura

serenità e paura

coraggio ed avventura,

da vivere insieme, insieme, insieme, insieme … a te.

Dove sei ora?

Come stai ora?

Cosa sei ora?

Cosa sei?

Dove sei ora?

Come sei ora?

Cosa sei ora?

Cosa sei… cosa sei? ma…

Insieme, la vita lo sai bene

ti viene come viene, ma è fuoco nelle vene e viverla insieme

è un brivido è una cura

serenità e paura

coraggio ed avventura, da vivere insieme, insieme, insieme a te … a te.
Negrita – Che rumore fa la felicità 

365

Questione di focale festeggia un anno!

365 giorni, 70 post, 2638 visite.

Il post più visualizzato è stato “Tu sei la mia casa“, che resta una delle mie citazioni preferite (e scusate l’alta letteratura!).

Il blog ha esordito ad agosto 2015, poco prima di partire per le vacanze con tutte le mie speranze fotografiche, vi ho presentato l’amica Benedetta di Nuvole e Gomitoli.

F5.6-1/50-ISO200-18mm
A settembre una bellissima sfida, l’1×30, una foto al giorno per 30 giorni. Ho affrontato  il trauma del rientro e vi ho dato la riprova con Aspettative vs realtà che in vacanza con la famiglia si ha poco tempo da dedicare alla fotografia.

F3,5-1/400-ISO200-18mm
Ad ottobre vi abbiamo insegnato a distinguere e classificare le 10 categorie di corridori (primo post a quattro mani con Benedetta), avete conosciuto un tipino mondano come T il Milanese, e ammirato la mia città mentre si pavoneggia durante il suo evento più importante, il Festivaletteratura.

iPhone 😁

F2.2-1/1000-ISO100-50mm
Altre facce interessanti a novembre, con M&F e la Lettrice vis-à-vis. Contando le pecore, ho avuto l’idea di Questo sì e questo no.

F2.2-1/400-ISO100-50mm
Ho tirato le somme di fine anno a dicembre, contando quanto di buono ho combinato, visitato Murano e Burano attraverso dettagli e visi e trovato finalmente la mia definizione di Natale.

F3.5-1/800-ISO100-50mm

F3.2-1/160-ISO400-50mm
F3.2-1/160-ISO400-50mm
A gennaio tra il resoconto di capodanno e il mio ultimo compleanno da ventenne mi interrogavo su capacità di persone straordinarie.

F3.5-1/1000-ISO400.50mm
Baratro nei mesi di febbraio e marzo. Apparente rinascita ad aprile, in cui ho festeggiato anche il secondo compleanno della piccola V., convinta ingenuamente di riuscir ad aggiustare uno squarcio immenso in così poco tempo.

F5.6-1/125-ISO400-50mm
Passa la primavera, arriva l’estate e piano piano riprendo possesso dei miei pensieri.